Valentine’s day 2017: un miliardo di messaggi d’amore scambiati nel giorno degli innamorati

0

Ecco l’appuntamento con l’amore dell’anno 2017: il Valentine’s day che ricorre ogni anno il giorno 14 febbraio. Nell’ambito della tradizione   italiana la ricorrenza  è denominata    la festa degli innamorati o più comunemente il giorno di S. Valentino. E’ una festa molto antica, probabilmente risale al Medioevo ed è  celebrata dagli innamorati con con lo scambio di messaggi  d’amore e di regali.

incontri san ValentinoValentine
Le valentine sono messaggi d’amore, sotto forma di bigliettini e sagomati nella forma di cuori oppure sulla base di altri temi che rappresentano l’amore: la colomba, l’immagine  di Cupido con arco e frecce, ecc.  Lo scambio avviene tra gli innammorati in forma cartacea e anche in modo virtuale su social e chat. A partire dal XIX secolo questa tradizione ha alimentato la produzione industriale e il commercio di  vasta portata  di biglietti d’auguri dedicati a questa ricorrenza. La Greeting Card Association, operante nel settore, ha stimato che ogni anno vengono spediti il 14 febbraio circa un miliardo di biglietti d’auguri. Se si prendono in considerazione i biglietti spediti per Natale quelli per il Valentine’s day si collocano  al secondo posto come numero di biglietti acquistati e spediti.  E’ superfluo soffermarsi in modo particolare sull’immenso volume d’affari di  altri elementi dedicati alla festa degli innamorati, quali fiori e vari altri regali.  Da parte di questo blog e dello Staff si augura tanta felicità in questa ricorrenza e per il futuro a tutti gli iscritti di Lovesflirt.  Ritengo che per questa ricorrenza è particolarmente interessante descrivere l’origine di questa festa inquadrandola nella storia  della tradizione scritta e orale

Storia
Storicamente parlando la festività è di origine religiosa e scavando nella narrazione dei tempi lontani, in precedenza, nello stesso giorno,  ricorreva una festa latino-pagana. Nell’anno 496  il papa Gelasio I istituì la festa  cristiana  di S. Valentino in ricordo del santo e martire  Valentino da Terni. La festività andò a sostituire la precedente festività   pagana denominata “Lupercalia”. Tuttavia l’inizio della celebrazione della festa in chiave moderna risale, con molta probabilità, al Basso Medioevo  nell’ambito della fase romantica che tradizionalmente viene denominata “amor cortese”.
Va detto che nel corso del mese di febbraio si possono ammirare i primi segnali di risveglio della natura e nel Medioevo, soprattutto in Francia e Inghilterra, si riteneva che in quella data cominciasse l’accoppiamento degli uccelli. Questa convinzione diffusa ha contribuito, con molta probabilità, alla collocazione in febbraio della festa degl’innamorati. L’evoluzione storica della ricorrenza presenta contorni storici vari. Nella tradizione orale e scritta alcuni riferimenti storici  fanno ritenere che  la giornata di san Valentino fosse dedicata agli innamorati già dai primi secoli del II millennio. Questo si deduce dalla fondazione a Parigi nel 1400 dell’Alto Tribunale dell’Amore, un’istituzione ispirata ai principi dell’epoca “amor cortese”. Il tribunale aveva lo scopo di decidere su controversie legate ai contratti d’amore, i tradimenti, e la violenza contro le donne. I giudici erano nominati sulla base della loro familiarità con la poesia d’amore.
La più antica “valentina” (messaggio d’amore)  risale al XV secolo, e fu scritta da Carlo d’Orléans che,  detenuto nella Torre di Londra dopo la sconfitta alla battaglia di Agincourt (1415) si rivolge a sua moglie con le parole: Je suis desja d’amour tanné, ma tres doulce Valentinée…. (sono già malato d’amore, mia dolcissima Valentina). Una lettera d’amore in rima che ora fa parte della raccolta di manoscritti presso la British Library di Londra.

Share.

Leave A Reply